home  news  contattaci  SEZIONE WAI - accessibilità

| A| B| C| D| E| F| G| H| I| J| K| L| M| N| O| P| Q| R| S| T| U| V| W| X| Y| Z|
Cerca nel Sito

La Regione per la Cultura
Le banche dati del patrimonio culturale
Beni culturali
Spettacolo, mostre e attività culturali
Servizi per la cultura
Cinema e Marche Film Commission
Comunità Virtuale
> Principale  
MARCHE CULTURA – Spacca e Marcolini sulla nomination all’Oscar di Dante Ferretti
Il presidente della Regione Spacca sulla nomination all’Oscar di Dante Ferretti: “Riesce sempre a farci emozionare. Un orgoglio per la comunità marchigiana”. Per l’assessore alla cultura Marcolini: ''Siamo orgogliosi della candidatura all'Oscar di Dante Ferretti, al quale facciamo il piu' scaramantico in bocca al lupo per l'esito finale. Ma il fatto che siamo gia' alla decima nomination ci dice e conferma che siamo di fronte a talento e genialita' puri''



“La nomination all’Oscar di
Dante Ferretti, che onora con il suo talento il nome della nostra regione sui più prestigiosi palcoscenici internazionali, rischia quasi di non fare più notizia, tanti sono i successi. Ma è innegabile che ad ogni nuovo evento, Dante Ferretti riesce sempre a farci emozionare.

Un annuncio che ancora una volta riempie di orgoglio l’intera comunità marchigiana alla quale Dante Ferretti, nonostante la fama planetaria, non dimentica mai di appartenere.

E a noi piace sperare che questo genio del cinema, questo straordinario artigiano del grande schermo, tragga un po’ della propria ispirazione e dell’eccezionale fantasia, dell’umiltà e della costanza così evidenti in ciascuno dei suoi lavori, dalle sue radici marchigiane.

A lui e a
Francesca Lo Schiavo in bocca al lupo per questa ennesima nomination, che speriamo possa giungere fino in fondo...”.

(Gian Mario Spacca)

 

 ''Ineguagliabile personaggio, mi viene da dire, che incarna il creatore di visioni e sogni che solo una fantasia eccezionale puo' concepire, capace di far immergere lo spettatore nella dimensione del film e di rendere il Cinema una vera magia. Senza il contributo di questo artigiano, come lui stesso ama definirsi, il Cinema italiano non potrebbe piu' vantarsi in realta' della tradizione di quei Maestri che lo hanno fatto grande e che hanno contribuito a diffondere la piu' alta cultura italiana nel mondo''.


(Pietro Marcolini)

 

 

26 gennaio 2012

 

Invia questo articolo Stampa/Print