home  news  contattaci  SEZIONE WAI - accessibilità

| A| B| C| D| E| F| G| H| I| J| K| L| M| N| O| P| Q| R| S| T| U| V| W| X| Y| Z|
Cerca nel Sito

La Regione per la Cultura
Le banche dati del patrimonio culturale
Beni culturali
Spettacolo, mostre e attività culturali
Servizi per la cultura
Cinema e Marche Film Commission
Comunità Virtuale
> Principale / Beni culturali / Arti visive contemporanee / Pittori  
Sante Monachesi
( Macerata 1910 – Roma 1991) Nel 1932 fondatore del "Movimento Futurista nelle Marche", attratto dai nuovi materiali e ispirato dalla conquista dell'uomo dello spazio, seguirà la sua ricerca di pittore e scultore nella definizione dei nuovi orizzonti dell'arte.

Sante Monachesi " Natura Morta"Artista eclettico, frequenta la Scuola d’arte professionale a Macerata, dove apprende la tecnica dell’incisione su legno, deve la sua formazione di scultore al maestro De Angelis.

Negli anni trenta aderisce al movimento di Aeropittura  Futurista, fondando con Tano e Peschi “il Gruppo Futurista U. Boccioni” , nel contempo collabora con diverse testate giornalistiche come illustratore e frequenta un corso del Centro Sperimentale di Cinematografia  a Roma, dove si trasferisce a partire dagli anni quaranta. E' l'inizio di una serie di mostre importanti: nel 1938 alla Biennale di Venezia, nel 1936 alla Esposizione Universale di Parigi con pitture astratte e a New York e nel 1939 alla Quadriennale di Roma. Dopo l'esperienza futurista, la sua pittura degli anni '40 e '50 sarà caratterizzata da larghi piani cromatici e sintetiche profilature. Estende la sua ricerca pittorica in ambito Espressionista e Fauve. Sempre attratto dalla ricerca di nuovi materiali, negli anni '60 scopre la gommapiuma e il polimetilmetacrilato. In sintonia con queste nuove scoperte e ispirato dalla conquista dell'uomo dello spazio e della sconfitta della forza di gravità, fonda nel 1962 il "Movimento Agravitazionale" AGRA’,  con  pubblicazione sistematica di manifesti fino al 1970. Un movimento in cui l'utopia diventa credibile espressione estetica. Nel primo manifesto, del 1964, afferma: “Noi proponiamo una vita ANTIGRA’ per tutti i giovani e vecchi di tutto il mondo. Un rinnovamento ANTIGRA’ per la vita della coscienza dell'uomo moderno del presente creatore nella sensibilita' vergine e nuova.  Antimistificazione: Siamo per una vita poetica e creatrice oltre il sesso e oltre il genio rivelatore della scienza della meccanica e della cibernetica . Siamo per una politica creativa nella vita, per un una economia nuova e antigravitazionale la quale per il mondo oltre la morte e la prigione delle nuove generazioni condannate a vivere all'infinito di maniera. Uscire dalla nevrosi ossessiva creata da questo nostro tempo di rapina.”

Fino alla morte , nel 1991, continuerà la personale  ricerca di pittore e di scultore nella definizione di nuovi orizzonti dell'arte. La sua lunga carriera è costellata di numerose mostre sia in Italia che all'estero. Si ricordano , inoltre le retrospettive ad Istanbul, Salonicco , Washington, Ottawa, Tokio - Sapporo, New York, Parigi, Tallin, La Valletta.

BIBLIOGRAFIA: F. Desideri, Architettura di S. Monachesi, ed. Margutta Duemila, Roma 1958; E. Villa, Sante Monachesi in “Carte Segrete” n.5, Roma 1969; a cura di S. Papetti, Monachesi. Gli anni Quaranta e Cinquanta, catalogo mostra Civitanova Marche, ed. Federico Motta 1999; a cura di I. Tomassoni, Palazzo Ricci a Macerata,  ed. Carima Servizi, Macerata 1998.

ESPOSIZIONI: Ancona, Galleria  dei Portici, 1970,  Sante Monachesi; Milano 1982, Palazzo Reale Anni Trenta . Arte e Cultura in Italia; Civitanova Marche, 1999,Chiesa di S. Agostino, Monachesi. Gli anni Quaranta e  Cinquanta.

MUSEI CHE CONTENGONO LE SUE OPERE: Collezione del ‘900 Italiano di Palazzo Ricci a Macerata
Invia questo articolo Stampa/Print