home  news  contattaci  SEZIONE WAI - accessibilità

| A| B| C| D| E| F| G| H| I| J| K| L| M| N| O| P| Q| R| S| T| U| V| W| X| Y| Z|
Cerca nel Sito

La Regione per la Cultura
Le banche dati del patrimonio culturale
Beni culturali
Spettacolo, mostre e attività culturali
Servizi per la cultura
Cinema e Marche Film Commission
Comunità Virtuale
> Principale / Spettacolo, mostre e attività culturali / 2006 - Archivio mostre nelle Marche  
JESI – Inaugura “Sollievo” l’arte contro il pregiudizio
Sabato 22 aprile al Palazzo dei Convegni inaugura la mostra dell’Atelier del Centro di Aggregazione Sociale L’esposizione resterà aperta fino al 2 maggio ed è un tassello della rassegna ‘Malati di Niente’


Arte in mostra contro il pregiudizio, l’emarginazione, lo stigma sociale. Arte ‘contro’ ma anche arte che cura, comunica emozioni, mette in relazione persone dai diversi (e spesso dolorosi) cammini.  E’ la mostra dell’Atelier del Centro di Aggregazione Sociale “Sollievo”, un Centro che da pochi anni opera nella Palazzina Politi di Jesi consentendo a chi lo frequenta di poter imparare le tecniche di pittura grazie alla collaborazione di noti artisti del territorio, ma anche di poter dipingere senza condizionamenti di sorta. La partecipazione è libera, ed in pochi anni ha conquistato i favori non solo dei pazienti dei servizi di salute mentale della città, ma anche dei loro familiari e di tante persone del quartiere attratte da questo luogo della condivisione e della trasformazione. I lavori di pittura di questo variegato Atelier saranno esposti da sabato 22 aprile fino al 2 maggio prossimo al Palazzo dei Convegni di Jesi, nell’ambito di MALATI DI NIENTE 2006, rassegna promossa da Comune di Jesi e Regione Marche (Assessorati ai servizi sociali), Associazione culturale Asiamente, Comunità Alloggio Soteria, Dipartimento Salute Mentale Asur zona territoriale 5, in collaborazione con Comune di Maiolati Spontini, coop sociale COOSS Marche, Centro Sociale TNT e Teatro Pirata. La mostra inaugura sabato 22 aprile alle ore 11,30. .  Sarà l’occasione per conoscere una straordinaria esperienza creativa molto apprezzata non solo in Vallesina, al punto tale da arrivare prima – assieme alla Rassegna Malati di Niente – al Premio nazionale per l’innovazione nei servizi sociali 2005, con questa motivazione: “
L’intreccio tra arte, progetto terapeutico, promozione culturale e della tolleranza e convivenza civile ha valorizzato e valutato non solo un percorso socio-assistenziale, ma un’idea di diritto di cittadinanza e di diritto del cittadino alla fiducia e alla serenità”.

 

Ufficio stampa: Simona Marini Tel. 328. 9225986; Tel. 0731. 63411; s.marini@aesinet.it

 

 

 

 

 

Invia questo articolo Stampa/Print