home  news  contattaci  SEZIONE WAI - accessibilità

| A| B| C| D| E| F| G| H| I| J| K| L| M| N| O| P| Q| R| S| T| U| V| W| X| Y| Z|
Cerca nel Sito

La Regione per la Cultura
Le banche dati del patrimonio culturale
Beni culturali
Spettacolo, mostre e attività culturali
Servizi per la cultura
Cinema e Marche Film Commission
Comunità Virtuale
> Principale  
URBINO - A Urbino nel 2012 rivive la Città Ideale
Con una mostra unica al mondo la Regione insieme alla Soprintendenza di Urbino, all’Università di Urbino e quella di Bologna e al Centro di Eccellenza Smart per la ricerca, si propone di riunire a Palazzo Ducale i tre dipinti su “La città Ideale” che sono oggi presenti anche a Baltimora e Berlino, oltre che nella città marchigiana. L’assessore Marcolini: “Una mostra unica al mondo”



“Abbiamo costituito per questa affascinante sfida un comitato promotore scientifico che da questa mattina è al lavoro per organizzare un evento di rilevanza internazionale – ha detto l’assessore regionale alla Cultura Pietro Marcolini – Una riflessione a 360 gradi sul Rinascimento che pone Urbino e le Marche al centro di un messaggio di altissima importanza scientifica e artistica”.

 

Il Comitato è composto oltre che dalla Soprintendente Vittoria Garibaldi, dalla past Soprintendente Lorenza Mochi Onori e dal supporto tecnico scientifico di Alessandro Marchi e Maria Rosaria Valazzi che hanno sottolineato l’unicità dell’evento che viene così a celebrare nel modo migliore anche il concomitante centenario della Galleria Nazionale delle Marche.

 

“Questa mostra è un progetto ambiziosissimo – ha detto la Garibaldi – sia perché porterà a Urbino le due altre tele e quindi offrirà spunto, agli studiosi di tutto il mondo, di un raffronto diretto, ma anche soprattutto per avere uno sguardo complesso e poliedrico sul Rinascimento, che abbracci aspetti architettonici, artistici e urbanistici, intrecciando il dibattito politico e filosofico sull’epoca rinascimentale”. Un’opportunità dunque di far rivivere a Palazzo Ducale personaggi come Laurana, Di Giorgio Martini, Leon Battista Alberti e molti altri protagonisti che nella Urbino capitale furono molte cose insieme: architetti, artisti e scienziati, animando la cultura di una corte inarrivabile come quella che fu di Federico da Montefeltro.

 

L’articolazione della mostra che avrà fra gli altri sponsor la Banca delle Marche, è concepita in maniera “stellare” cioè con una serie di percorsi o sezioni che si diramano dal centro in cui saranno allocate le tavole con le Città Ideali. Sezioni a punta di stella, che toccheranno tutti gli argomenti di approfondimento che riassumono i grandi temi accennati del Rinascimento e che raffigurano idealmente la volta della Biblioteca del Duca Federico, a Palazzo, che ha rappresentato un rilievo dorato e policromo dell’emblema ducale, l’aquila feltresca, racchiuso nel grande sole da cui si staccano numerose fiammelle ricadenti a pioggia dal centro verso gli estremi. Una mostra dunque che si preannuncia anche nella sua concezione e disposizione uno spettacolo di alto rilievo scientifico e culturale.

 

14 marzo 2011

Invia questo articolo Stampa/Print